#320 – Connessione seriale

Pillole di Bit
Pillole di Bit
#320 - Connessione seriale
Loading
/

Ha radici antiche e fa pensare a trasmissioni lente, un carattere per volta, ma non fatevi trarre in inganno, la connessione seriale è viva insieme a noi e in certi casi è l’unica via per raggiungere e gestire molti dispositivi, anche da lontano.

Clicca su questo testo per aprire la trascrizione

Tutte le volte che avete a che fare con un dispositivo, di solito, avete un monitor, un mouse o un dito, se touch, una bella interfaccia grafica e la possibilità di interagire in modi facili, immediati e colorati.
Ma da tempo immemore resiste e sopravvive, imperterrita, una modalità di accesso a quasi ogni dispositivo che funziona sempre e che non si incarta quasi mai.
Nascosta negli angoli più polverosi, complessa da usare e anche un po’ macchinosa alla quale collegarsi.
La connessione seriale resta immortale. A volte persino indispensabile.

Un po’ di basi, per non perderci i pezzi per la strada.
Da che mondo è mondo, ogni sistema operativo, dietro all’interfaccia grafica, bella e di facile utilizzo, ha un’interfaccia che è una riga di comando con un prompt.
Si scrivono comandi, dai più semplici ai più complessi e questi ottengono un risultato sul sistema.
Ad essere pignoli, dovrei dire che le interfacce grafiche non sono altro che un modo facilitato per lanciare comandi su un prompt che noi non vediamo.
Faccio un esempio banale.
Nel prompt dei comandi di Windows, ereditato da DOS, per avere la lista dei file di una cartella si usa il comando DIR e si ottiene a schermo la lista dei file.
Con la grafica, si apre Esplora risorse, si apre la cartella e si vedono i file.
È come se, aprendo la finestra di una certa cartella, venisse eseguito il comando DIR e l’output venisse formattato e messo all’interno della finestra di esplora risorse.
Il prompt dei comandi vive e lavora insieme a noi.
Tutti i sistemi operativi hanno il prompt dei comandi, anche chiamato shell.
Windows, Linux, MacOS, I sistemi di ogni dispositivo di rete gestito nel mondo e tutto quello che all’interno ha un sistema operativo, nel 90% sarà di derivazione Linux e avrà una shell linux.
Avere accesso alla shell, con le giuste credenziali, dà accesso al sistema con il privilegio massimo, nella maggior parte dei casi.
Se usate un calcolatore con un sistema operativo, almeno un minimo dovreste imparare a usare la riga dei comandi.
Per accedere alla shell si usa il monitor del dispositivo su cui si è oppure, per esempio ci si collega, solitamente in SSH, che è un protocollo di comunicazione che sta su TCP, sulla porta 22 ed è crittografato.
I vecchi sistemi usano il TELNET, che assolve alla stessa funzione, lavora sulla porta 23 ed è in chiaro.
Alla shell, però, se siamo davanti al dispositivo, possiamo accedere in un modo ancora diverso, ad alcuni potrebbe sembrare arcaico, ma è ancora in uso e funzione alla grande. Con la connessione seriale, o anche detta connessione console.
Che non è la playstation.
Tutti i dispositivi elettronici hanno una connessione console o seriale.
Le schede madri di ogni computer, ce l’ha il Rasperry Pi, Arduino, le schede ESP, le loro sorelle cugine di ogni genere e specie, tutti i dispositivi di rete come switch e router. Tutti ce l’hanno, in alcuni casi sono facilmente raggiungibili, in altri meno o completamente nascoste
Se avete il cavo giusto con il connettore giusto lato dispositivo e lato computer potete accedere senza troppa difficoltà, se l’accesso non è stato bloccato fisicamente di proposito.
Tempo fa il cavo seriale era quello a 9 pin, a forma di trapezio, sia sul dispositivo che sul computer.
Adesso, di solito, la console è un cavo RJ45 tipo i cavi di rete sul dispositivo e USB sul computer, in certi casi è USB da entrambe le parti.
A volte i PIN hanno connessioni proprietarie e serve il cavetto che arriva con il dispositivo e nessun altro.
Non a volte, mi sa quasi sempre. Tenete con cura i cavi seriali che vi arrivano con i dispositivi.
A livello hardware la connessione seriale avviene attraverso un singolo filo, in realtà se ne usano di più, ma il traffico dati avviene su un solo filo, dove passano, in fila, quindi serialmente, tutti i bit che devono essere trasmessi.
Si definiscono alcuni parametri come la velocità di trasmissione in caratteri al secondo, la gestione degli errori e poco altro ed ecco che bit per bit, sulla seriale arrivano tutti i caratteri che il dispositivo vuole trasmettere, non solo in un senso, la seriale riceve anche caratteri, quindi comandi, in input.
Su un secondo filo ci sono quelli che dal computer verranno trasmessi al dispositivo.
la velocità può essere espressa in bit al secondo o in baud, in baud è il carattere, non è sinonimo di bit.
La trasmissione è semplice, in chiaro, su un cavo collegato su una porta specifica del dispositivo.
La cosa molto interessante della connessione seriale è che vengono trasmessi tutti gli stream di caratteri di tutto quello che passa per il dispositivo anche prima dell’avvio del sistema operativo.
La porta seriale, anche se non è connesso nessuno, è normalmente lo standard output per tutto quello che il sistema sta facendo in ogni momento della sua vita, dall’accensione fino a quando non viene spento.
Viene tutto buttato lì, se ci sei lo leggi, se non ci sei lo perdi.
Un po’ come avere un monitor, ma senza averne uno per ogni macchina.
Quando c’è un dispositivo che ha problemi e non carica il sistema operativo, ci si collega in seriale e si vede tutto quello che succede prima del suo caricamento
Se la rete di un sistema non funziona, ci si collega in seriale, si fa accesso al sistema operativo, si arriva alla shell e si può mettere a posto.
Se un dispositivo di rete non è raggiungibile in alcun modo, ci si collega in seriale, si vede cosa c’è che non va e si possono fare le configurazioni necessarie per sistemarlo.
Basta essere lì davanti, avere il cavo giusto e un software che faccia da terminale.
La porta seriale o console, nella sua semplicità, è di una potenza mostruosa.
Ha un limite. Devi essere lì davanti. Certe volte è facile, certe volte un po’ meno.
Esistono dei sistemi che permettono di accedere alla seriale in modalità remota.
Quando lavoravo nel posto di prima, avevo scoperto per caso un oggettino che da una parte aveva una connessione seriale e dall’altra era un host wifi, si collegava alla rete wifi dell’azienda e permetteva di accedere via seriale a dispositivi di rete anche se in posti fisicamente lontani. Non me li avevano passati perché costosi, andare a piedi in giro costava evidentemente di meno.
Ho poi scoperto, in un secondo tempo che esistono dispositivi che si collegano in rete da una parte e dall’altra hanno decine di porte seriali, per collegare tutti i dispositivi presenti nelle vicinanze.
Cercate console server su Internet e vi si apre un mondo.
Avere accesso seriale ai dispositivi, anche da remoto, cambia in modo drammatico la gestione, semplificandola.
Se lavorate in un’azienda e avete dispositivi, fate in modo di raggiungerli tutti, anche se pensate che adesso li raggiungete via telnet o ssh, se avete un problema, poi dovete andare sul posto, se avete accesso remoto seriale, potete risolvere in un decimo del tempo.
Pare strano, la cosa vale anche per un banale raspberry, avere accesso seriale, con l’adattatore che si mette sui suoi PIN, vi evita di dover collegare mouse, tastiera e monitor, un cavetto e via.
Sarà una vecchia connessione, ma vi assicuro che è ancora di un’utilità e una potenza inimmaginabili.
Per contesto, nel tempo, la seriale pareva essere lenta per trasmettere tanti dati, ma poi, dopo aver usato bus di dati paralleli come la LPT per le stampanti o i BUS ISA e PCI, è tutto tornato ad essere seriale, viaggia a velocità stratosferiche e la usiamo costantemente.
I dischi connessi in SATA viaggiano su un bus seriale
Tutto quello che è collegato in PCI express è collegato su un BUS Seriale.
La trasmissione dati è una branca della tecnologia davvero molto interessante.

Donazioni
Questo podcast, da sempre, si sostiene grazie alla generosità di voi ascoltatori. Io di questo ne sono molto felice perché anche voi fate parte di questo progetto, ormai da anni.
In questa sezione mi prendo un po’ di tempo per ringraziare uno ad uno tutti i donatori che decidono di mettere mano al portafogli, in qualunque modo, per aiutarmi ad andare avanti.
Gli abbonati
Ivan
Carlo
Valerio
Le donazioni spot
Silvano
Ganluigi
Roberto
E chi usa il value for value
Nicola Gabriele
Jackal
Paolo
Una menzione speciale e la busta con i gadget vanno anche a Giovanni, che sta lavorando costantemente a sistemare il bot che nel gruppo telegram converte tutti i link amazon in automatico con il tag del podcast. Grazie!

Vi ricordo che se non compilate il form per ricevere i gadget non posso spedirveli, se avete donato più di 5€, compilatelo, se per tutto il 2023 avete donato 5€ al mese o più, anche, avete diritto alla spilla retroarttiva da sostenitore.

In questa settimana ho spedito parecchie buste con vari gadget, adesso è tutto al buon cuore delle poste.
Oltre a Donare usando Satispay, Paypal o il Value for value, potete anche usare i link sponsorizzati, che a fronte di un vostro ordine, a me riconoscono una percentuale, come Amazon o Ehiweb, quest’ultimo lo uso a casa e vi assicuro che un provider Internet come loro non esiste, tutti quelli che si sono abbonati, poi mi hanno ringraziato.
E non dimenticatevi di far conoscere pillole di bit ai curiosi come voi o a chi potrebbe diventarlo.

Come detto in puntata, usare la seriale è un ottimo sistema per fare debug di sistemi che hanno qualche problema, per i quali magari è difficile collegare un monitor esterno. Vi lascio nelle note dell’episodio un articolo molto interessante su come fare questa cosa su un Raspberry Pi, tra cavetto e configurazioni. Abilitatelo e provatelo sui Raspberry che avete a casa, che prima o poi vi torna utile. Lo so che in quanto ascoltatori del podcast ne avete almeno uno.

Siamo arrivati alla fine di questa puntata di Pillole di bit, non saltate al prossimo podcast che ci sono informazioni che possono tornarvi utili, vi ricordo che tutti i link relativi alle cose dette sono nelle note, che trovate sulla vostre app o sul sito.
Io sono Francesco, produttore e voce di questo podcast e vi do appuntamento a lunedì prossimo, per la prossima puntata, disponibile su Feed RSS, o su tutte le piattaforme di podcast, vi registrate e la puntata vi arriva automagicamente.
A occhio questa è l’ultima puntata che ascoltate su Google Podcast, avete migrato altrove? Mi raccomando, passate ad altre app, ce ne sono di interessanti sia su Android che su iPhone, è anche un ottimo motivo per fare pulizia dei podcast che non ascoltate da tempo e che occupano solo spazio sul telefono. Installate la nuova app, vi registrate ai podcast che volete davvero ascoltare e scaricare l’ultima puntata, tutto pulito e una nuova vita.
Nelle note vi lascio qualche app da provare.

Grazie per avermi ascoltato!

Ciao!

Pillole di Bit (https://www.pilloledib.it/) è un podcast indipendente realizzato da Francesco Tucci, se vuoi metterti con contatto con me puoi scegliere tra diverse piattaforme:
Telegram (o anche solo il canale dedicato solo ai commenti delle puntate)
TikTok (per ora è un esperimento)
Twitter
BlueSky
– Il mio blog personale ilTucci.com
– Il mio canale telegram personale Le Cose
Mastodon personale
Mastodon del podcast
– la mail (se mi vuoi scrivere in modo diretto e vuoi avere più spazio per il tuo messaggio)

Rispondo sempre

Se questo podcast ti piace, puoi contribuire alla sue realizzazione!
Con una donazione diretta:
– Singola con Satispay
Singola o ricorrente con Paypal
Usando i link sponsorizzati
– Con un acquisto su Amazon (accedi a questo link e metti le cose che vuoi nel carrello)
– Attivando uno dei servizi di Ehiweb

Se hai donato più di 5€ ricordati di compilare il form per ricevere i gadget!

Attenzione! Google Podcast chiuderà a FINE GIUGNO 2024! Scarica un’app seria per ascoltare podcast e iscriviti ai tuoi podcast preferiti dalla nuova app!

Il sito è gentilmente hostato da ThirdEye (scrivete a domini AT thirdeye.it), un ottimo servizio che vi consiglio caldamente e il podcast è montato con gioia con PODucer, un software per Mac di Alex Raccuglia

#319 – NAS da zero a sicuro

Pillole di Bit
Pillole di Bit
#319 - NAS da zero a sicuro
Loading
/

Avete deciso di comprare o di costruirvi un NAS per metterci su i vostri dati. Dal non avere niente ad averlo attivo e funzionante, le cose a cui pensare prima e da fare, dopo, non sono poche. Ho messo in fila le più importanti.

  • Wasabi, storage cloud a buon prezzo con le API AWS S3
Fai click su questo testo per aprire la trascrizione della puntata

CI avete pensato, avete guardato i prezzi in giro, vi siete spaventati, poi avete deciso che i vostri dati hanno un certo valore e che volete tenere una delle copie a casa, su un dispositivo a disposizione di tutti, in rete.
Avete deciso di comprare tutti i pezzi necessari per fare un NAS. Adesso però si devono fare le cose fatte per bene.
Giusto per essere chiari, questa puntata non è sponsorizzata.

Ho parlato mille volte di NAS in questo podcast, ma non è mai abbastanza.
Se avete deciso che vale la pena averne uno o ne volete uno, è bene avere chiare alcune cose da fare e altre da non fare, così da avere il posto giusto per tenere al sicuro i vostri dati.
Il NAS serve a memorizzare dati, solitamente molti, da tenere disponibili e raggiungibili all’interno della rete di casa, per i PC che sono collegati e, per i più smanettoni, per i PC che si collegano a questa rete in VPN.
Lui sta lì, con i dati dentro e li rende disponibili a chi si connette.
Potete comprarne uno già pronto, io apprezzo i Synology, come sapete, ma ci sono molte altre marche in giro, potete prendere un vecchio PC, mettere dentro uno o più dischi e installare una distribuzione dedicata per fare storage di rete, potete recuperare o comprare un Raspberry Pi e collegare i dischi via USB o sul 5 via SATA, adesso ci sono delle schede di espansione molto carine e anche con pochi fili a vista.
Potete decidere di mettere dischi a piattelli o SSD.
Insomma, a seconda di quanto vi volete sbattere a pacioccare, quanti soldi volete spendere e quanto spazio vi serve, le scelte sono davvero tendenti a infinito.
Scegliere un NAS già fatto ha il vantaggio che funziona al primo colpo, lo scatolotto contiene alla perfezione i dischi, si alimenta e basta, non ci sono fili che vagano e la gestione, con le nuove interfacce grafiche, è tutto sommato semplice.
Per contro ha un costo elevato e ha tutti i vincoli di un prodotto chiuso, si può fare tutto quello che il produttore ha deciso che si possa fare. Intendiamoci, per il 95% degli utenti è anche troppo, ma per alcuni potrebbe essere un limite.
Un altro contro è che quando il produttore deciderà che il dispositivo è in end of life, questo non sarà più aggiornato e sarà da cambiare, non si scappa.
La piattaforma non commerciale ha il vantaggio che può essere costruita con pezzi di qualsiasi provenienza, anche da quello che vi trovate nel cassetto, non ha vincoli di supporto, esce la nuova versione e la aggiornate.
È solitamente software libero e vi permette di fare un po’ tutto quello che vi pare, va gran bene per gli smanettoni, chi vuole solo storage avrà le stesse funzioni di un NAS commerciale, alla fine.
Indicativamente può costare sensibilmente di meno.
Come contro ha la necessità di conoscere come installarla e gestirla, sapere che c’è un po’ più di rischio ad ogni aggiornamento, avere un po’ di fili in giro in più e che non è ottimizzata, per questo motivo potrebbe consumare un po’ più di corrente, che su un oggetto che sta acceso 24h al giorno tutto l’anno può fare la differenza in bolletta.
Scelta la piattaforma è necessario definire di quanto spazio c’è bisogno e su che dischi metterli.
Sul quanto devono essere capienti non ve lo posso dire io.
Dovreste fare un conto di quanti dati avete da mettere dentro e stimare quanto questi possono crescere nel tempo, giusto per non avere i dischi pieni in pochi mesi.
Fatta questa stima dovete decidere come configurare i dischi.
Non siamo grandi aziende, direi che le scelte ricadono solitamente su 4 configurazioni di massima.
Un disco solo. Lo comprate della capacità che avete deciso, i dati sono tutti lì dentro, se si rompe sono tutti persi, dovete quindi avere un backup e un’ottima procedura di restore, oltre che un fornitore rapido per ordinare un disco nuovo per il rimpiazzo.
Tenere un disco, spento, in un cassetto, da usare quando l’unico che avete si romperà non è una grande idea, ci sono possibilità che quando lo metterete questo non partirà, saranno passati anni e la garanzia non sarà più valida. Io sconsiglio questa configurazione, ha il solo vantaggio di consumare meno rispetto ad avere due dischi accesi.
A mio parere, questa non è una scelta saggia.
La seconda configurazione è quella di avere due dischi di uguale capacità in mirroring, quello che il sistema scrive su uno, lo scrive anche sull’altro, se uno si rompe non perdete operatività, comprate il rimpiazzo, lo sostituite, il mirroring, che viene anche chiamato RAID1, si ricompone e tutto torna come prima.
Consuma di più della configurazione a un disco solo e perdete la metà dello spazio acquistato, perché lo spazio netto usabile è quello di uno solo dei due dischi.
Mi raccomando, la configurazione RAID non vuol dire che state facendo un backup, dovete sempre avere un backup dei vostri dati da un’altra parte. La configurazione RAID vi salva solo se si rompe un disco, permettendovi di continuare ad accedere ai vostri dati senza aspettare il tempo di approvvigionamento del disco nuovo e del restore.
Con due dischi, potreste anche fare la configurazione in stripe, o RAID0. Lo spazio disponibile è pari alla somma della capacità dei due dischi.
In questo caso, però, se uno dei due si rompe, avete perso i dati contenuti in entrambi e, una volta comprato il disco sostitutivo, starete senza in attesa che vi arrivi e dovrete recuperare tutto dal backup.
L’ultima configurazione è quella del RAID 5, solitamente con 4 dischi.
Si comprano 4 dischi uguali, la capacità totale di memorizzazione è pari alla somma della capacità di 3 dei 4. Se uno si rompe i dati non sono persi e si può lavorare in attesa del sostituto da inserire per la ricostruzione del RAID.
Questa configurazione di solito si usa quando serve tanto spazio e due dischi molto grandi costano troppo cari, allora se ne prendono 4 più piccoli e si spende di meno. Oppure se ne comprano 4 grandi perché serve davvero molto spazio.
Ma dischi a piattelli o SSD?
La domanda è interessante.
Solitamente il NAS non ha bisogno di dischi con grandi prestazioni, per questo va benissimo usare quelli a piattelli, i modelli per NAS non hanno neanche velocità esagerate di rotazione dei piattelli.
Ma gli SSD consumano meno e sono silenziosi.
Solo che al GB costano di più e, sul lungo hanno il difetto che con troppe scritture tendono a consumarsi.
Per un uso casalingo, difficilmente si arriverà alla loro fine, ma è una cosa di cui tenere conto.
Il vero vantaggio alla fine è il silenzio, un dettaglio non da poco, se il NAS è in un posto sensibile.
Io ho 4 dischi Exos che fanno un rumore della miseria e mi sto attrezzando per mettere il NAS in cantina.
Scelto il NAS, i dischi, la capacità e la configurazione, si passa al filesytem.
Non vado troppo nel dettaglio, scegliete quello che vi propone il produttore del sistema operativo che usate per il NAS, è la scelta migliore a meno che non siate esperti.
Fatto il RAID il sistema vi chiederà di fare i volumi, che sono i contenitori delle cartelle che poi vedrete in rete.
Se non sapete quello che fate, create un solo volume grande come circa il 70% dello spazio disponibile.
Qui dentro create le cartelle condivise che vi servono.
Il restante 30% lo tenete per le snapshot, molto utili per recuperare eventuali fesserie sui file in modo rapido.
Andate a studiarle a seconda del sistema che usate, attivatele, programmatele e fate qualche test.
Fatte le cartelle è necessario definire chi ci deve accedere.
Create tutti gli utenti necessari, nessuno dei quali deve essere l’amministratore del sistema, quello lo tenete, con un nome diverso da admin, administrator e root, solo per accessi di gestione, l’accesso alle cartelle condivise lo fate solo per utenti normali.
Per gli accessi regolatevi voi, ma non fate utenti senza password che abbiano diritti di scrittura.
Se avete una cartelle dedicata al backup fate in modo che abbia utenza e password diversa da quelle che usate sui PC, in questo modo se un malware infetta il PC, lui lavora con le credenziali dell’utente del PC e non potrà raggiungere la cartella del backup, che ha accessi diversi, se in quel momento non è montata.
Se dovete accedere dall’esterno usate sempre e solo una VPN, non esponete mai nessun NAS con un portforwarding, questa cosa è importante.
Infine, ricordatevi sempre che i dati che sono sul NAS dovrebbero essere almeno su altri due supporti diversi in due posti diversi, la regola vorrebbe tre copie, su due tipi di supporti, una di queste copie staccata e lontana da casa. Voi fate in modo che se il NAS si dovesse rompere o dovesse essere attaccato da un ransomware avete un backup comodo e se ci dovesse essere un problema grosso a casa, ci sia una copia remota da qualche parte.
Detto questo, cercate, per quanto possibile, di tenere i vostri dati in ordine, in modo da non perderli e da non moltiplicarne le copie e fatene buon uso.
Ovviamente, avere un NAS non è obbligatorio, se non ci state con il budget, potete mettere tutto su un disco USB, ma tutti i clienti a cui ho detto “questo disco lo colleghi una volta a settimana e fai backup, lo hanno fatto 3 volte e basta”

Questo podcast, da sempre, si sostiene grazie alla generosità di voi ascoltatori. Io di questo ne sono molto felice perché anche voi fate parte di questo progetto, ormai da anni.
In questa sezione mi prendo un po’ di tempo per ringraziare uno ad uno tutti i donatori che decidono di mettere mano al portafogli, in qualunque modo, per aiutarmi ad andare avanti.

Oltre a Donare usando Satispay, Paypal o il Value for value, potete anche usare i link sponsorizzati, che a fronte di un vostro ordine, a me riconoscono una percentuale, come Amazon o Ehiweb, quest’ultimo lo uso a casa e vi assicuro che un provider Internet come loro non esiste, tutti quelli che si sono abbonati, poi mi hanno ringraziato.
E non dimenticatevi di far conoscere pillole di bit ai curiosi come voi o a chi potrebbe diventarlo.

Visto che è bene avere un backup dei propri dati offline e non tutti possono permettersi di avere un secondo NAS a casa di qualcun altro con una VPN attiva, si possono usare i servizi cloud dove mettere i propri dati, anche crittografati, in modo che siano lontani per davvero.
I servizi cloud sono di molti tipi diversi e con prezzi davvero molto differenti.
Ci sono quelli che si paga un tot al mese per una quantità di spazio predefinito e quelli che si pagano solo a spazio occupato.
Alcuni fanno pagare anche il traffico in uscita quando serve un restore o, se sono quelli a lunga durata, se il dato si cancella prima del tempo, fanno pagare una penale.
Insomma il calcolo di quanto spazio serve e quanto dovremmo pagare è un po’ complesso.
Esiste un servizio cloud che risponde con le stesse API di AWS, i servizi di Amazon, che ha un costo ragionevole ed è facile. Costa una certa cifra al GB memorizzato e basta.
Non ci sono altri costi di spostamenti, cancellazione ed altro.
Lo attivate, il primo mese è gratis e non vuole neanche la carta di credito, lo provate, vedete se fa al caso vostro e poi pagate solo lo storage in uso. Si chiama Wasabi e quando sto registrando la puntata il prezzo è circa 6,5€ a TB al mese, il prezzo è frazionabile al singolo GB.
Ho provato e in upload mi saturava senza problemi i 500Mbps della mia connettività.

Siamo arrivati alla fine di questa puntata di Pillole di bit, vi ricordo che tutti i link relativi alle cose dette sono nelle note, che trovate sulla vostre app o sul sito.
Io sono Francesco, produttore e voce di questo podcast e vi do appuntamento a lunedì prossimo, per la prossima puntata, disponibile su Feed RSS, o su tutte le piattaforme di podcast, vi registrate e la puntata vi arriva automagicamente.

Grazie per avermi ascoltato!

Ciao!

Pillole di Bit (https://www.pilloledib.it/) è un podcast indipendente realizzato da Francesco Tucci, se vuoi metterti con contatto con me puoi scegliere tra diverse piattaforme:
Telegram (o anche solo il canale dedicato solo ai commenti delle puntate)
TikTok (per ora è un esperimento)
Twitter
BlueSky
– Il mio blog personale ilTucci.com
– Il mio canale telegram personale Le Cose
Mastodon personale
Mastodon del podcast
– la mail (se mi vuoi scrivere in modo diretto e vuoi avere più spazio per il tuo messaggio)

Rispondo sempre

Se questo podcast ti piace, puoi contribuire alla sue realizzazione!
Con una donazione diretta:
– Singola con Satispay
Singola o ricorrente con Paypal
Usando i link sponsorizzati
– Con un acquisto su Amazon (accedi a questo link e metti le cose che vuoi nel carrello)
– Attivando uno dei servizi di Ehiweb

Se hai donato più di 5€ ricordati di compilare il form per ricevere i gadget!

Il sito è gentilmente hostato da ThirdEye (scrivete a domini AT thirdeye.it), un ottimo servizio che vi consiglio caldamente e il podcast è montato con gioia con PODucer, un software per Mac di Alex Raccuglia

#318 – Quando ti rubano lo smartphone

Pillole di Bit
Pillole di Bit
#318 - Quando ti rubano lo smartphone
Loading
/

Si spera non debba mai succedere, ma se capita è bene essere pronti ed allenati, per sapere subito cosa fare, come farlo e senza arsi prendere dal panico. Ma soprattutto ci sono cose da fare prima, per evitare di perdere i dati.

Pillole di Bit (https://www.pilloledib.it/) è un podcast indipendente realizzato da Francesco Tucci, se vuoi metterti con contatto con me puoi scegliere tra diverse piattaforme:
Telegram (o anche solo il canale dedicato solo ai commenti delle puntate)
TikTok (per ora è un esperimento)
Twitter
BlueSky
– Il mio blog personale ilTucci.com
– Il mio canale telegram personale Le Cose
Mastodon personale
Mastodon del podcast
– la mail (se mi vuoi scrivere in modo diretto e vuoi avere più spazio per il tuo messaggio)

Rispondo sempre

Se questo podcast ti piace, puoi contribuire alla sue realizzazione!
Con una donazione diretta:
– Singola con Satispay
Singola o ricorrente con Paypal
Usando i link sponsorizzati
– Con un acquisto su Amazon (accedi a questo link e metti le cose che vuoi nel carrello)
– Attivando uno dei servizi di Ehiweb

Se hai donato più di 5€ ricordati di compilare il form per ricevere i gadget!

Attenzione! Google Podcast chiuderà a FINE GIUGNO 2024! Scarica un’app seria per ascoltare podcast e iscriviti ai tuoi podcast preferiti dalla nuova app!

Il sito è gentilmente hostato da ThirdEye (scrivete a domini AT thirdeye.it), un ottimo servizio che vi consiglio caldamente e il podcast è montato con gioia con PODucer, un software per Mac di Alex Raccuglia